Le nuove misure in vigore a far data dal 4 maggio

Spread the love

Con l’entrata in vigore del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 aprile 2020 molte attività commerciali e industriali (anche se non tutte) torneranno in attività e tra queste si segnalano a solo titolo esemplificativo le attività legate alla costruzione di abitazioni e rivendite di fiori e semi. È questa una delle tante novità introdotte dal regolamento, che resterà in vigore dal 4 al 17 maggio 2020 (art. 10) e che, agli allegati 1, 2 e 3, riporta l’elenco delle attività industriali, commerciali e legate ai servizi della persona che potranno riprendere.

Il dpcm riporta anche, negli altri allegati le linee guida e i protocolli di sicurezza da seguire, che erano già stati emanati nei giorni precedenti e che con il dpcm sono diventati norma di legge a tutti gli effetti.

Servizi per la persona come i parrucchieri, i barbieri e gli estetisti continueranno a restare chiusi, fatta eccezione per le lavanderie.

Inoltre, ai sensi dell’art. 2 comma 9 del dpcm, “le imprese, che riprendono la loro attività a partire dal 4 maggio 2020, possono svolgere tutte le attività propedeutiche alla riapertura a partire dalla data del 27 aprile 2020”.

Riferimenti normativi

Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 aprile 2020 – Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.